Giacomo Passoni: “Ogni giorno sono alla ricerca della coerenza perfetta”

Ascolta
Udinesi Dentro
Udinesi Dentro
Giacomo Passoni: "Ogni giorno sono alla ricerca della coerenza perfetta"
Loading
/

Giacomo Passoni: “Ogni giorno sono alla ricerca della coerenza perfetta”

Intenso e profondo, affronta la vita con passione. Fervore e dedizione, sono le sue regole per superare le sfide. Abile nel percepire le sottili dinamiche delle relazioni, è orientato alla protezione e alla cura degli altri. Devoto alla famiglia, ogni giorno, è in costante ricerca di sé stesso.

Giacomo Passoni, chi l’ha spinta a diventare fisioterapista?

Diventare fisioterapista mi hanno spinto i miei genitori. Quindi in realtà è stato più una fortuna perché mi hanno spinto a diventare quello che attualmente reputo però un lavoro che amo, quindi potrei dire che in realtà mi ha spinto poi a ridiventare fisioterapista, quando ho potuto sceglierlo io, il fatto di poter essere d’aiuto nella vita delle persone, nell’aiutare le persone a prendersi cura di sé.

Perché attribuisce tanta importanza alla crescita personale?

Credo che la crescita personale sia tutto nella vita di una persona. Per ognuno la persona più importante è se stesso. Se noi esistiamo prima di tutto per noi, possiamo poi essere un riferimento per gli altri. Per cui credo che la crescita personale sia essenziale, perché è la cosa più importante, quella che ci permette di esistere prima di tutto per noi e soprattutto di imparare ad ascoltare quelle che sono le nostre reali esigenze, il nostro stare bene che poi può diventare strumento da donare agli altri.

Dal suo osservatorio, come descriverebbe lo stato di benessere degli udinesi?

La qualità di vita a Udine è una qualità di vita buona, ma c’è ancora tantissimo da lavorare sul tema della salute. Se consideriamo quelli che sono gli elementi fondamentali della salute, ovvero l’alimentazione, l’approccio mentale alle cose, il sonno, l’attività sportiva, beh, credo che un buon 80% degli udinesi debba ancora partire da questo punto di vista. Non voglio essere eccessivamente negativo, tagliente, però questo è un problema ampio da cui Udine non si esime assolutamente.

Cosa ha imparato camminando nel deserto?

Ho imparato fondamentalmente due cose. La prima è rendere consapevole ciò che noi siamo all’interno di questa nostra terra dell’universo, ovvero poco, nel senso che osservando il deserto e la sua immensità mi sono reso conto di quanto piccolo io sia. E se apparentemente questa cosa può sembrare una cosa che sminuisce la persona, in realtà ci rende molto liberi, perché ci rende liberi di comprendere che possiamo essere noi stessi senza che questo diventi oggetto di giudizio da parte di tutti gli altri. La seconda cosa che ho imparato è quella di tagliare le cose superflue, imparare a tagliare tutto ciò che non serve, imparare a riportare le cose alla loro essenza primaria. Su questo il deserto è stato, credo, il più grande insegnante che io potessi avere.

Per lei, qual’è il significato del verbo reagire?

Parto dal presupposto che il verbo reagire nel suo significato di reagire in risposta a qualcosa non mi fa impazzire. Io nel verbo reagire vedo più un significato di scelta. Ogni cosa può diventare una possibilità, per cui il significato del verbo reagire è possibilità di scegliere come io vivrò e reagirò a quell’evento.

Potrebbe condividere tre consigli per evitare di diventare suoi pazienti?

Tre consigli, tre parole: movimento, accettazione, amore. Muovetevi di più, muovetevi meglio, muovetevi quanto più potete, Accertatevi per come siete. Accettate gli altri. Accettate che le cose non vadano sempre nella vostra direzione e amatevi sempre. Amate voi stessi. Amate gli altri, perché siamo speciali tutti.

Quanto la coerenza incide nella sua vita quotidiana?

Tantissimo. La coerenza è un elemento per me fondamentale. Non sempre sono così bravo, ma ho imparato anche ad accettarmi quando non riesco ad essere così coerente e questo mi permette di essere ogni giorno alla ricerca della coerenza perfetta.

Crede ancora nella regola dell’amico?

Con molta amarezza No, mi tocca bocciare la regola dell’amico, seppur è stata per me, in giovane età, un credo fondamentale. Ad oggi anche mia moglie è un mio amico, potrei dire anche il contrario, anche un mio amico è mia moglie. Con una piccola differenza, ovvero che con l’amico non vado così a fondo nei legami.


UDINESI DENTRO è un podcast originale di Michele Menegon, la voce della sigla è di Gianmarco Ceconi, la voce sintetica di Vittorio, la musica di Massimo Cum, la post produzione e il sound design di Michael Hammer.

UDINESI DENTRO lo ascolti anche sulle piattaforme Amazon Music, Spotify, Google Podcast, Apple Podcast

Se indossi una maschera che funziona, è ora di cambiarla!

A 18 anni entro a far parte dello staff di una radio locale e nel 1989 sono a lavorare per RADIO ITALIA NETWORK.
Ideatore del programma radiofonico techno MASTER QUICK tra il 1992 e il 1995 produco alcuni dischi: il più famoso è BARRACA DESTROY.
Divento Direttore Artistico di RADIO ITALIA NETWORK nel 1996 e fui il primo in Italia a credere che la gestione e la messa in onda della radio dovessero avvenire attraverso i computer.
Nel 2000 approdo alla casa discografica HIT MANIA in qualità di direttore generale lanciando il fenomeno LUNA POP.
Nel 2001 ritorno alla radio e seguo lo start up del progetto RADIO LIFE GATE.
Dal 2002 al 2007 mi occupo di consulenza artistica per agenzie pubblicitarie e web company e parallelamente entro nel mondo del fitness ottenendo diverse certificazioni, dal Pilates al Rowing, dallo Spinning al BOSE ecc.
Dal 2008 sono Product Manager del prodotto leader nel mondo per la programmazione radio-televisiva MUSIC MASTER.
Nel 2011 costruisco assieme ad Alessandro Bellicini il progetto digitale di GOLF TODAY e in seguito per le testate AMADEUS e SCI. Nel 2019 portiamo il know-how all’editore PUBLIMASTER per le testate GOLF&TURISMO e SCIARE. Nel 2021 fondiamo la 3Mind che realizza il progetto NOTIZIE GOLF che poi lascio nel 2022.
Lo sport ha preso il sopravvento e sono diventato un Triathleta! Un cancro nel 2019 avrebbe potuto fermare tutto, ma grazie al reparto oncologico di Udine sono ancora qui, con il mio tumore, a raccontare un'altra storia.
Obiettivi futuri? Un Iroman prima dei 60 anni e costruire una palestra radiofonica dove insegnare ai ragazzi a fare la radio libera! Lo so, sono progetti utopistici, ma bellissimi.