Udinesi senza tempo

Ascolta
Udinesi Dentro
Udinesi Dentro
Udinesi senza tempo
Loading
/

Udinesi senza tempo

Siamo gli abitanti di una città modello ai confini dell’impero. Siamo operosi, diffidenti, generosi, riservati, testardi e spesso ingenui, ma uniti tutti nella devozione per la città della madonnina.

Periodicamente ci rechiamo in pellegrinaggio per respirare la moda, il progresso e il glamour che ammantano la città del progresso.

Poi, quando torniamo a casa, riflettiamo sulla nostra Udine, consapevoli che non potrà mai essere così.

Ma da quella Milano tutta da bere, importiamo molte cose, convinti che rendano Udine più sopportabile. Perché noi siamo si operosi, generosi, riservati, testardi e spesso ingenui, ma non sopportiamo di essere provinciali.

Da qualche anno, per assomigliare di più alla capitale meneghina, ci siamo anche dotati dei Rider, novelli babbi Natale, capaci di soddisfare qualsiasi nostro desiderio.

Un accenno di questo regale servizio, lo abbiamo avuto negli anni ‘80, con PIZZA IN ARRIVO. Fu un successo strozzato, perché per l’udinese, accettare che un’altra persona oltre al postino, potesse suonare al campanello per consegnare qualcosa a casa, era abominio.

Oggi invece a casa ci facciamo portare di tutto. Il motivo? Ci manca il tempo!

Nonostante Udine sia percorribile a piedi da parte a parte in 30 minuti, non troviamo spazio in agenda, per andarci a comprare le cose da soli.

Cinquant’anni fa, il tempo era la cosa che avevamo di più. C’era tempo per tutto, per stare in famiglia, per fare la spesa nelle botteghe, e ne avevamo così tanto, da stare seduti per ore sul muretto ad aspettare gli amici.

Oggi il tempo non lo abbiamo più. Abbiamo deciso di sostenere così tante attività, che l’ansia provocata, dalla mancanza di tempo per realizzarle, ci opprime.

Ma tutte queste cose che facciamo: ci faranno bene?

Io credo che tutti questi impegni, servano a non pensare alla vita che conduciamo. E se non abbiamo il tempo di pensare alla nostra, figuriamoci se pensiamo alle vite degli altri. Come quelle dei Rider, vite sfruttate, e in mano a un caporalato che li affama, solo per soddisfare i nostri desiderata.

Ora devo lasciarti, suonano alla porta: Dev’essere il Rider, che mi ha portato la cena!


UDINESI DENTRO è un podcast originale di Michele Menegon, la voce della sigla è di Gianmarco Ceconi, la voce sintetica di Vittorio, la musica di Massimo Cum, la post produzione e il sound design di Michael Hammer.

Foto di Copertina di Thomas Brenac

UDINESI DENTRO lo ascolti anche sulle piattaforme Amazon Music, Spotify, Google Podcast, Apple Podcast

Se indossi una maschera che funziona, è ora di cambiarla!

A 18 anni entro a far parte dello staff di una radio locale e nel 1989 sono a lavorare per RADIO ITALIA NETWORK.
Ideatore del programma radiofonico techno MASTER QUICK tra il 1992 e il 1995 produco alcuni dischi: il più famoso è BARRACA DESTROY.
Divento Direttore Artistico di RADIO ITALIA NETWORK nel 1996 e fui il primo in Italia a credere che la gestione e la messa in onda della radio dovessero avvenire attraverso i computer.
Nel 2000 approdo alla casa discografica HIT MANIA in qualità di direttore generale lanciando il fenomeno LUNA POP.
Nel 2001 ritorno alla radio e seguo lo start up del progetto RADIO LIFE GATE.
Dal 2002 al 2007 mi occupo di consulenza artistica per agenzie pubblicitarie e web company e parallelamente entro nel mondo del fitness ottenendo diverse certificazioni, dal Pilates al Rowing, dallo Spinning al BOSE ecc.
Dal 2008 sono Product Manager del prodotto leader nel mondo per la programmazione radio-televisiva MUSIC MASTER.
Nel 2011 costruisco assieme ad Alessandro Bellicini il progetto digitale di GOLF TODAY e in seguito per le testate AMADEUS e SCI. Nel 2019 portiamo il know-how all’editore PUBLIMASTER per le testate GOLF&TURISMO e SCIARE. Nel 2021 fondiamo la 3Mind che realizza il progetto NOTIZIE GOLF che poi lascio nel 2022.
Lo sport ha preso il sopravvento e sono diventato un Triathleta! Un cancro nel 2019 avrebbe potuto fermare tutto, ma grazie al reparto oncologico di Udine sono ancora qui, con il mio tumore, a raccontare un'altra storia.
Obiettivi futuri? Un Iroman prima dei 60 anni e costruire una palestra radiofonica dove insegnare ai ragazzi a fare la radio libera! Lo so, sono progetti utopistici, ma bellissimi.