Luisa Bindoni: l’autenticità come motore di trasformazione

Ascolta
Udinesi Dentro
Udinesi Dentro
Luisa Bindoni: l'autenticità come motore di trasformazione
Loading
/

Luisa Bindoni: l’autenticità come motore di trasformazione

Una vita piena, coerente e consapevole dei traguardi da raggiungere. Mai passiva, si è sempre fatta carico di oneri ed onori. Voce straordinaria, coltiva ancora oggi questo talento, mantenendo vivo il suo magnetismo vocale.

Oggi ama le buone maniere, le persone gentili, e i veri sentimenti. È una persona intelligente e preparata che non teme i confronti, trasmettendo autenticità e sincerità.

In quale contesto nasce Luisa Bindoni?

Come individuo mi riconosco dal tempo in cui ho vissuto all’educandato Uccellis, che era un ambiente quello della fine anni 60 piuttosto rigoroso, troppo, che mi ha segnata per tutta l’esistenza. Comunque  appena l’età anagrafica me l’ha concesso, varcavo la soglia dell’educandato in motocicletta mentre praticavo danza classica con immensa passione.

Giovanissima approda alla radio, come succede?

Diciassettenne avevo un fidanzato speaker radiofonico e trovandomi con lui in sala registrazione ebbe l’intuito giusto, mi fece avvicinare al microfono e mi chiese di ripetere il suo nome e cognome con tono suadente, il più possibile. Il direttore di Radio Canale 49 ALLORA Franco Borgia sentì quel jingle, scoprì che la voce era mia,  e mi ingaggio’ offrendomi uno spazio radiofonico.

A 21 arriva l’amore quello vero. Cosa scatena?

Mi fido di lui, e quindi mi propone di andare via da casa, e lo seguo. Era più grande di me non di poco, mi stimolava parecchio, mi ha fatto uscire dal guscio nel migliore dei modi facendomi vivere la sua vita con begli esempi. La cosa più importante che mi ha regalato oggettivamente è stato il percorso di studio di dizione e recitazione a Trieste

Cosa cerca nell’Istituto d’arte Drammatico di Trieste?

Lì cerco il perfezionamento, l’affinamento della tecnica che veramente ero consapevole mi mancava.

Con un preciso obiettivo nel 1983 va a Milano…

Parto  perché a quel punto mi sentivo pronta a conquistare gli studi di registrazione più importanti, sono partita con una valigia e poche cose. Milano a me darà moltissimo. Ho registrato spot , documentari diversi. Poi purtroppo un problema di salute mi ferma.

Nel 1987 torna a Udine e inizia l’avventura del manager…

Porto da Milano uno spunto che diventato oggetto di condivisione lavorativa con altre due donne udinesi. Fondiamo assieme PASSAPAROLA srl che era una società di servizi all’avanguardia e ho la buona intuizione di registrare il marchio Passaparola, perché poi Mediaset lo usò impropriamente, io tiro le orecchie, quindi decidiamo che mi pagano l’affitto del marchio per tre anni poi glielo vendo. Subito dopo fondo altra società di Servizi che ho chiamato Gruppo srl ma questa volta sono servizi ancora una volta guardando alle necessità del domani.

Dove nasce la sua passione culinaria?

Ho iniziato a 9 /10 anni credo, avevo il manuale di nonna papera sul piano cucina… Poi frequento alcuni corsi a tema, e così si scopre che la cucina funziona con regole di chimica non solo con fantasia, e offre appunto opportunità di conversazione e condivisione meravigliose.

Perché gli animali sono una parte importante della sua vita?

La prima consapevolezza del possibile rapporto speciale l’ho avuta liberando dalla solitudine di una vetrina di Udine un cane che era in vendita la notte prima di Natale dell’87. Oggi ho un altro meticcio che si chiama Luber e lo amo in modo atipico.

Oggi lei sta compiendo una metamorfosi…

Un recente periodo di ulteriore introspezione significativo per intensità mi ha fatto guardare a quel che avevo attorno a guardare alle mie capacità. Ho visto un grande buco sociale, una voragine, nella quale ho deciso di inserirmi a colmare lacune. Insomma Done Luisa è una figura che arriva a richiesta e svolge alcune mansioni che hanno un ritorno anche con un obolo che io accetto perché credo di meritarlo, ma di fatto per me è arricchente l’aspetto umano che mi sta tornando.

Chi è Done Luisa o Luisa Bindoni?

Scarica la presentazione ==> DOWNLOAD

Cellulare: +39 375 679 0838

Email: doneluisab@gmail.com

Luisa Bindoni


UDINESI DENTRO è un podcast originale di Michele Menegon, la voce della sigla è di Gianmarco Ceconi, la voce sintetica di Vittorio, la musica di Massimo Cum, la post produzione e il sound design di Michael Hammer.

UDINESI DENTRO lo ascolti anche sulle piattaforme Amazon Music, Spotify, Google Podcast, Apple Podcast

Se indossi una maschera che funziona, è ora di cambiarla!

A 18 anni entro a far parte dello staff di una radio locale e nel 1989 sono a lavorare per RADIO ITALIA NETWORK.
Ideatore del programma radiofonico techno MASTER QUICK tra il 1992 e il 1995 produco alcuni dischi: il più famoso è BARRACA DESTROY.
Divento Direttore Artistico di RADIO ITALIA NETWORK nel 1996 e fui il primo in Italia a credere che la gestione e la messa in onda della radio dovessero avvenire attraverso i computer.
Nel 2000 approdo alla casa discografica HIT MANIA in qualità di direttore generale lanciando il fenomeno LUNA POP.
Nel 2001 ritorno alla radio e seguo lo start up del progetto RADIO LIFE GATE.
Dal 2002 al 2007 mi occupo di consulenza artistica per agenzie pubblicitarie e web company e parallelamente entro nel mondo del fitness ottenendo diverse certificazioni, dal Pilates al Rowing, dallo Spinning al BOSE ecc.
Dal 2008 sono Product Manager del prodotto leader nel mondo per la programmazione radio-televisiva MUSIC MASTER.
Nel 2011 costruisco assieme ad Alessandro Bellicini il progetto digitale di GOLF TODAY e in seguito per le testate AMADEUS e SCI. Nel 2019 portiamo il know-how all’editore PUBLIMASTER per le testate GOLF&TURISMO e SCIARE. Nel 2021 fondiamo la 3Mind che realizza il progetto NOTIZIE GOLF che poi lascio nel 2022.
Lo sport ha preso il sopravvento e sono diventato un Triathleta! Un cancro nel 2019 avrebbe potuto fermare tutto, ma grazie al reparto oncologico di Udine sono ancora qui, con il mio tumore, a raccontare un'altra storia.
Obiettivi futuri? Un Iroman prima dei 60 anni e costruire una palestra radiofonica dove insegnare ai ragazzi a fare la radio libera! Lo so, sono progetti utopistici, ma bellissimi.