Rodolfo Totolo: Il sagittario che non teme i fallimenti

Ascolta
Udinesi Dentro
Rodolfo Totolo: Il sagittario che non teme i fallimenti
Loading
/

Sagittario, dal temperamento focoso, per anni è stato un udinese militante. Oggi ne ha acquisito la cittadinanza, trasferendo qui vita e lavoro.

Diplomato ragioniere, nelle sue vene scorrono suole e tomaie. Scapolo rigoroso, è un motociclista praticante. Curioso e tenace, esplora in modo maniacale i suoi interessi, condividendo le sue passioni, solo con coloro che ritiene capaci di capirlo.

Crede nell’amicizia, e spera in un mondo fatto di cose semplici, che gratifichi il pragmatismo piuttosto che l’idealismo.

Da imprenditore non teme i fallimenti, e questo, lo porta sempre a creare e perseguire, progetti innovativi.

Rodolfo Totolo, guardando la sua storia familiare sembrerebbe un predestinato.

Predestinato a fare certe cose, a intraprendere sicuramente.

Oggi a tre negozi, tutti a Udine. Perché?

Perché Udine alla fine è la mia città. E il destino ha voluto che consolidassimo Udine.

Ma ho molto tempo dedicato al lavoro. È per questo che è scapolo?

Uno dei motivi! Non solo! Gli altri sono un brutto carattere, uno stare bene con se stessi e quindi lasciar poco spazio agli altri.

La scarpa è la sua missione e le contaminazioni?

Le contaminazioni sono fondamentali. Nel senso che un settore ha delle caratteristiche. Settori attigui, vicini o anche non proprio vicini hanno altre caratteristiche. Il mescolare tutto diventa sempre una bella sfida e di solito porta a un buon risultato.

Oggi è presidente di un’associazione di commercianti. Le era rimasto del tempo libero?

No, non mi era rimasto del tempo libero, però mi è rimasto e ho questa volontà e piacere nello sperimentare, nel cercare strade diverse, nel fare qualcosa perché tutto quanto giri meglio. Poi, come dico spessissimo, voglio dire, se gira meglio tutto quello che intorno, gira meglio anche per me.

Ad ogni compleanno si dice che sparisca dalla città. Da cosa fugge?

Potrei dire così, filosofeggiando da me stesso. Ma non è vero. Alla fine mi ritaglio del tempo per me.

Sempre al contatto con il pubblico. Come gestisce la vita privata?

La mia vita privata e segreta.

Saprebbe indicare tre cose che potrebbero diventare un acceleratore del commercio udinese?

Beh, sicuramente chi guida la città dovrebbe e mi piacerebbe che avesse una visione aperta, concreta. Poi sicuramente l’interconnessione tra i soggetti, cioè tutti quelli che possono essere le varie amministrazioni, possa essere comune, camere di commercio, fondazioni varie, voglio dire e tutti i soggetti economici presenti. Togliersi dal fatto che si fanno le cose in un palazzo nell’altro palazzo se ne fanno altre, e non si parla nei due palazzi. L’altra forse la conclusione è un punto d’arrivo sulle prime due nel senso che la città di Udine diventasse una città da frequentare, una città da vivere, una meta per venire a passarci del tempo.

Mi da un aggettivo per ciascuno dei suoi negozi?

Marina: Affidabile, Bruno: uomo concreto, Vittorio: sperimentale in tutti i sensi. Voglio dire come merce, come posizione.

C’è qualche segreto nella sua vita?

Una vita sì, con discrezione, sì. Segreti no.

Ha un desiderio per la città di Udine?

Mi piacerebbe che gli udinesi si rendessero conto veramente in che posto vivono. Questo mi piacerebbe. Spesso e volentieri se lo dimenticano. Hanno una propensione al guardare fuori senza guardare casa loro. E casa loro, è spettacolare.

Rodolfo Totolo nasce il 30 novembre 1966. Nel 1987 si diploma in Ragioneria all’istituto Antonio Zanon di Udine. Dopo un’estate a “cazzeggiare” a Lignano nello stesso anno entra nell’azienda di famiglia, e nel 1989 diventa Amministratore Delegato della società Calzature Totolo srl.

Nel 1991 l’avventura imprenditoriale si interrompe ed inizia quella del dipendente come impiegato amministrativo presso la Carrozzeria Tonutti snc di Udine. Nel 1999 diventa Account Manager presso la Germacar, ma nel 2001 fa il suo rientro nel mondo della calzatura con la società RU.MA srl di cui diventa Amministratore Delegato.

Il primo negozio ad aprire è Cividale, poi seguono Tarcento, Udine e Tricesimo. Oggi tutto è concentrato su Udine con i marchi MARINA in Via Cosattini 19, BRUNO in Via Poscolle 8 e VITTORIO in Via Cortazzis 4.

Nel 2020 diventa Consigliere nel mandamento di Udine all’interno di Confcommercio e Vicepresidente Federmoda della provincia di Udine.

Nel 2022 Rodolfo Totolo diventa Presidente del Centro Commerciale Naturale (Udineidea) di Udine.


UDINESI DENTRO è un podcast originale di Michele Menegon, la voce della sigla è di Gianmarco Ceconi, la voce sintetica di Vittorio, la musica di Massimo Cum, la post produzione e il sound design di Michael Hammer.

UDINESI DENTRO lo ascolti anche sulle piattaforme Amazon Music, Spotify, Google Podcast, Apple Podcast

Se indossi una maschera che funziona, è ora di cambiarla!

A 18 anni entro a far parte dello staff di una radio locale e nel 1989 sono a lavorare per RADIO ITALIA NETWORK.
Ideatore del programma radiofonico techno MASTER QUICK tra il 1992 e il 1995 produco alcuni dischi: il più famoso è BARRACA DESTROY.
Divento Direttore Artistico di RADIO ITALIA NETWORK nel 1996 e fui il primo in Italia a credere che la gestione e la messa in onda della radio dovessero avvenire attraverso i computer.
Nel 2000 approdo alla casa discografica HIT MANIA in qualità di direttore generale lanciando il fenomeno LUNA POP.
Nel 2001 ritorno alla radio e seguo lo start up del progetto RADIO LIFE GATE.
Dal 2002 al 2007 mi occupo di consulenza artistica per agenzie pubblicitarie e web company e parallelamente entro nel mondo del fitness ottenendo diverse certificazioni, dal Pilates al Rowing, dallo Spinning al BOSE ecc.
Dal 2008 sono Product Manager del prodotto leader nel mondo per la programmazione radio-televisiva MUSIC MASTER.
Nel 2011 costruisco assieme ad Alessandro Bellicini il progetto digitale di GOLF TODAY e in seguito per le testate AMADEUS e SCI. Nel 2019 portiamo il know-how all’editore PUBLIMASTER per le testate GOLF&TURISMO e SCIARE. Nel 2021 fondiamo la 3Mind che realizza il progetto NOTIZIE GOLF che poi lascio nel 2022.
Lo sport ha preso il sopravvento e sono diventato un Triathleta! Un cancro nel 2019 avrebbe potuto fermare tutto, ma grazie al reparto oncologico di Udine sono ancora qui, con il mio tumore, a raccontare un'altra storia.
Obiettivi futuri? Un Iroman prima dei 60 anni e costruire una palestra radiofonica dove insegnare ai ragazzi a fare la radio libera! Lo so, sono progetti utopistici, ma bellissimi.